logo
 CHI SIAMO |  CANALI |  IN ONDA |  NEWSLETTER |  SCRIVICI
  
DONNE & LAVORO
La web radio della Cgil
La tv del centenario della Cgil
Inca Lombardia
Caaf Cgil Lombardia
Associazione Archivio del Lavoro
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Multimedia Lavoro
Festilav2011
La tv della Cgil
 
Lavoravo all'Omsa (estratti)
Teatro Due Mondi: Lavoravo all'OMSA con il contributo del Comune di Faenza, Regione Emilia Romagna e il sostegno di CGIL Ravenna, CGIL Emilia Romagna e Fondazione Argentina Altobelli; con gli attori del TEATRO DUE MONDI Monica Camporesi, Tanja Horstmann, Angela Pezzi, Maria Regosa, Renato Valmori e Angela Cavalli, ex-operaia OMSA regia Alberto Grilli; musiche originali e direzione musicale Antonella Talamonti; testi Gigi Bertoni; foto Stefano Tedioli; video Sunset Soc.Coop. ringraziamo i componenti delle Brigate Teatrali OMSA, Giovanni Nadiani per la traduzione in dialetto romagnolo, il Théâtre de l'Unité (Francia) per la strada che ci ha indicato Il tema del lavoro è quotidiano e urgente. Un'urgenza cui il Teatro Due Mondi ha cercato di rispondere con i propri strumenti quando ha incontrato le operaie dell'Omsa, 340 donne licenziate da una storica fabbrica faentina, non in crisi, che ha scelto di delocalizzare la produzione per aumentare i profitti. A quasi due anni da quell'incontro, dopo mesi e mesi di mobilitazione e lotta, solo una parte delle operaie è stata assunta da un mobilificio -- dalle produzione di calze a spostare mobili. Molte altre sono ancora in attesa di una nuova occupazione. Così, la nuova produzione del Teatro Due Mondi parla di lavoro. Abbiamo sentito la necessità di andare più a fondo su un tema così vitale, e abbiamo pensato uno spettacolo che potesse essere allestito sia in un teatro, che in uno spazio non convenzionale, che in una piazza. La regia intreccia drammaturgia contemporanea ad elaborazioni originali del gruppo: i riferimenti al testo di un nostro precedente spettacolo, Santa Giovanna dei Macelli, si attualizzano attraverso le storie delle operaie del calzificio; così come le vicende dell'Omsa si specchiano nella favola brechtiana. Pur nella diversità dei contesti storici, lo spettacolo, infatti, pone l'accento sulle logiche economiche e imprenditoriali che schiacciano il diritto al lavoro rimarcando le similitudini tra la crisi economica del 1929 ritratta da Brecht e quella vissuta oggi, in epoca di globalizzazione, dalle donne faentine. In un allestimento scenografico semplice e minimale, gli attori del Teatro Due Mondi saranno in scena insieme ad una delle operaie che hanno vissuto la chiusura della fabbrica. Il lavoro scenico è basato essenzialmente sull'uso della voce in tutte le sue modalità: monologo, racconto, coro, canto popolare, dialogo. Lavoravo all'Omsa vuole essere uno spazio dedicato soprattutto al suono e al senso che le parole devono portare. Lavoravo all'Omsa è l'esito più recente di quelle esperienze che il gruppo realizza da qualche tempo insieme a "non-attori": un Teatro che assume nuovo valore come incontro di persone, di culture, diventa un luogo fisico e mentale dove non conta "esibirsi" ma "esserci", incontrarsi e conoscersi, migliorare la qualità delle relazioni tra pari. La storia di ognuno diventa storia condivisa. Diventa il Teatro di ogni giorno. contatti info@teatroduemondi.it 0546 622999

Autore: Link Esterni
Data: 15/07/2013
Visualizzazioni: 2013

TuttiI più vistiI più recenti