logo
 CHI SIAMO |  CANALI |  IN ONDA |  NEWSLETTER |  SCRIVICI
  
PACE & SOLIDARIETÀ
La web radio della Cgil
La tv del centenario della Cgil
Inca Lombardia
Caaf Cgil Lombardia
Associazione Archivio del Lavoro
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Multimedia Lavoro
Festilav2011
La tv della Cgil
 
Accas Film: Salvador Allende
Salvador Guillermo Allende Gossens (Valparaíso, 26 giugno 1908 -- Santiago del Cile, 11 settembre 1973) è stato il, primo Presidente marxista democraticamente eletto. Allende fu Presidente del Cile dal 3 novembre 1970 fino alla destituzione violenta a seguito di un colpo di stato militare appoggiato dagli Stati Uniti, avvenuta l'11 settembre 1973, giorno della sua morte. Una volta insediato Allende iniziò ad operare per realizzare la sua "piattaforma" di riforma socialista della società cilena. Fu avviato un programma di nazionalizzazione delle principali industrie private, fra cui le miniere di rame fino ad allora sotto il controllo di aziende americane, si diede mano alla riforma agraria, fu creata una sorta di tassa sulle plusvalenze e una sospensione del pagamento del debito estero. Nel 1971, a seguito di una visita ufficiale durata addirittura 1 mese, del presidente cubano Fidel Castro (con il quale aveva stretto una profonda amicizia personale), Allende annunciò il ripristino delle relazioni diplomatiche con Cuba. L'amministrazione Nixon cominciò ad esercitare una pressione economica sempre più crescente attraverso molti canali, alcuni dei quali erano legali (come l'embargo), ma molti di più illegali, attraverso il finanziamento degli oppositori politici nel Congresso Cileno. A causa dell'embargo USA si acuì sempre di più la crisi economica nel paese e il Parlamento tentò di sfiduciare Allende, approfittando del suo calo di consenso, senza però ottenere la maggioranza ed il 29 giugno del 1973 vi fu un tentativo di colpo di stato ma fallì. Il 24 agosto 1973 a seguito delle dimissioni del ministro della difesa Generale Carlos Prats per uno scandalo, Allende nominò comandante in capo Augusto Pinochet. Nel settembre del 1973, i continui scioperi, l'altissimo tasso di inflazione e la mancanza di materie prime a causa del boicottaggio avevano precipitato il paese nel caos. Il presidente Allende rifiutò fino all'ultimo di usare la forza e la legge marziale, per evitare una guerra civile e per non tradire i propri principi, anche se una legislazione di emergenza avrebbe potuto salvare il governo. L'esercito attaccò quindi Santiago, cogliendo il presidente alla sprovvista, bombardando La Moneda e arrestando o uccidendo gli oppositori. Era l'11 settembre. Salvador Allende nel 1973 fu sepolto senza funerale in un luogo nascosto, a Viña del Mar e sotto un falso nome, solo nel 1990 si celebrò il funerale e le spoglie vennero poste in un grande mausoleo al cimitero monumentale di Santiago del Cile. Segui il nostro canale: http://www.youtube.com/accasfilm

Autore: Archivi
Data: 12/09/2013
Visualizzazioni: 3748

TuttiI più vistiI più recenti
Copyright 2010 © CGIL Lombardia. Tutti i diritti sono riservati |  C.F. 94554190150  |  Area Riservata rss feed
Powered by Sintel s.r.l.