logo
 CHI SIAMO |  CANALI |  IN ONDA |  NEWSLETTER |  SCRIVICI
  
GENOVA
La web radio della Cgil
La tv del centenario della Cgil
Inca Lombardia
Caaf Cgil Lombardia
Associazione Archivio del Lavoro
Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Multimedia Lavoro
Festilav2011
La tv della Cgil
 
6 settembre 2011 - Sciopero Generale CGIL a Genova
Genova scende in piazza per dire no alla manovra in discussione in queste ore a Roma, e lo urla a gran voce. Decine di migliaia di persone hanno partecipato ai tre cortei, che hanno attraversato la città, confluendo in piazza De Ferrari. Il primo dei due cortei principali (il terzo era costituito dai sindacati di base), partito da Brignole lato piazza della Vittoria alle 9,45 ha risalito via XX settembre, accompagnato dalla Filarmonica Sestrese, che durante il percorso ho intonato i canti della resistenza. Presenti il sindaco Marta Vincenzi, l'assessore Andrea Ranieri, Sergio Cofferati e Vera Lamonica: ad aprire la marcia le bandiere di Cgil e Anpi. A seguire moltissime rappresentanze: AMIU, Nidi e Scuole d'Infanzia Comunali, Arpal, Istituto Gaslini, Ospedale San Martino, Silp, Filcams, Fondazione Palazzo Ducale, Spi, Lavoratori Coop, ArciGay, Fiom Riva Trigoso, Accademia Marina Mercantile, Fials Sanità, Filctem. Tra la gente fa capolino una bara, lo Stato Sociale, con tanto di vedova al seguito. Una breve ma intensa pausa per deporre una corona d'alloro ai caduti della Resistenza, sotto Ponte Monumentale: un omaggio ai partigiani caduti per la libertà, accompagnato dal canto commosso di "Bella Ciao", intonato con convinzione dai presenti. Dopo la commemorazione tutti verso De Ferrari, in attesa del comizio. Affollatissimo anche il corteo partito alle 9.30 dal Terminal Traghetti e capeggiato dai cori della Fiom ("Siamo tutti Mario Bracci" e "L'articolo 18 non si tocca, lo difenderemo con la lotta"). Tante le persone che con i loro striscioni e stendardi si sono accodate lungo il percorso, a partire dalla stazione Marittima. Tra la folla anche il presidente del Copasir, Massimo D'Alema, il presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando e il presidente della Provincia di Genova, Alessandro Repetto. Come previsto, appena la manifestazione ha raggiunto zona Corvetto, sul palazzo della Prefettura è stato installato lo striscione di Anpi e Cgil che ricorda la memoria della Liberazione. Il corteo ha poi raggiunto piazza De Ferrari poco prima della 11, unendosi ai manifestanti provenienti da Brignole, per ascoltare i messaggi dei relatori saliti sul palco sotto il palazzo della Regione Liguria. Apre il presidente Anpi Genova Massimo Bisca che ricorda come i partigiani e i loro ideali siano «in servizio permanente effettivo» e quanto questo esecutivo sia «delegittimato a governare il nostra paese». Conclude con l'appello a difendere la nostra costituzione e i diritti dei lavoratori «costi quel che costi». Segue l'intervento del Segretario Nazionale Vera Lamonica: «Il governo ha la faccia impresentabile, sta affossando il presente e il futuro di questo paese». La piazza però è impaziente, e il lavoratori Fiom pressano per continuare il corteo, tornando ancora sotto la prefettura. A mezzogiorno, quindi, la folla riprende il cammino per via Roma: cori e canti contro la manovra e contro il governo. Arrivati a destinazione la protesta si allarga alla vicina piazza Corvetto: fumogeni e sit-in per ribadire ancora una volta il pericolo politico e sociale che il paese sta correndo con i provvedimenti decisi dall'esecutivo. Studenti, lavoratori, operai, commercianti: tutti insieme per dire basta ad una politica che ancora una volta vuol far pagare ai più deboli i costi di questa crisi, tagliando servizi ai cittadini e mettendo in pericolo i diritti di tutti i lavoratori. Alle 13,30 la manifestazione si scioglie: il traffico torna lentamente alla normalità, con la consapevolezza che se da Roma non arriveranno dei segni chiari e univoci, la mobilitazione dei cittadini continuerà ad oltranza. (GenoaMunicipality)

Autore: Link Esterni
Data: 07/09/2011
Visualizzazioni: 3434

Share
TuttiI più vistiI più recenti
Copyright 2010 © CGIL Lombardia. Tutti i diritti sono riservati |  C.F. 94554190150  |  Area Riservata rss feed
Powered by Sintel s.r.l.